Dietro la rinuncia di Benedetto XVI «rapporto segreto» choc - Expreso Latino

Primera plana

Dietro la renuncia di Benedetto XVI «rapporto segreto» choc

L'ADDIO LEGATO A UNA CRISI DI SISTEMA FATTA DI CONFLITTI, MANOVRE E TRADIMENTI, Benedetto XVI avrebbe maturato la decisione definitiva dell'annuncio domenica: stava preparando un'enciclica.

 

 

 

Roma, 12 Febbraio 2013 - Non essendo riuscito a cambiare la Curia, Benedetto XVI è arrivato ad una conclusione amara: va via, è lui che cambia. Si tratta del sacrificio estremo, traumatico, di un pontefice intellettuale sconfitto da un apparato ritenuto troppo incrostato di potere e autoreferenziale per essere riformato. È come se Benedetto XVI avesse cercato di emancipare il papato e la Chiesa cattolica dall'ipoteca di una specie di Seconda Repubblica vaticana; e ne fosse rimasto, invece, vittima. È difficile non percepire la sua scelta come l'esito di una lunga riflessione e di una lunga stanchezza. Accreditarlo come un gesto istintivo significherebbe fare torto a questa figura destinata e entrare nella storia più per le sue dimissioni che per come ha tentato di riformare il cattolicesimo, senza riuscirci come avrebbe voluto: anche se la decisione vera e propria è maturata domenica. 

Leggi la notizia choc su Corrieredellasera.it: Dietro il sacrificio estremo di un intellettuale le ombre di un «rapporto segreto» choc.

Versión en español: Tras la renuncia de Benedicto XVI "informe secreto" choc

-CorrieredellaSera-